comunicati stampa

Palagonia. Il presidente Nello Musumeci in visita al maxicantiere tra le contrade Sigona e Grotta San Giorgio - Investimento di 25 milioni per opere di adeguamento funzionale e ripristino della condotta idrica principale

Mercoledì, 17 Febbraio 2021 14:33

Concluso il 2020 con una commemorazione

comunicati stampaLa Sala del Consiglio del Consorzio è stata intitolata all'ingegnere Massimo Paterna improvvisamente scomparso nel luglio 2019 poco prima di compiere 58 anni. La cerimonia si è svolta alla presenza Commissario Straordinario del Consorzio Francesco Nicodemo ed alla famiglia dell'ingegnere.

L'anno 2020 si è concluso per il Consorzio di Bonifica Sicilia Orientale non con una festa bensì con un momento di ricordo e di commemorazione. La Sala del Consiglio del Consorzio è stata infatti intitolata all'ingegnere Massimo Paterna improvvisamente scomparso nel luglio 2019 poco prima di compiere 58 anni. La cerimonia si è svolta alla presenza Commissario Straordinario del Consorzio Francesco Nicodemo ed alla famiglia dell'ingegnere Paterna: la mamma, signora Jolanda; la moglie, signora Beatrice, il figlio Roberto. C'erano anche il Direttore Generale, il dottore Giuseppe Barbagallo; il nuovo Direttore Tecnico, l'ingegnere Francesco Fanciulli; il Capo Settore Progettazione, l'ingegnere Rossana Tarallo; pochi altri colleghi e dipendenti a causa del necessario rispetto delle norme di distanziamento anti covid-19.
L'ingegnere Massimo Paterna era nato a Catania il 17 agosto 1961. Laureato in Ingegneria Civile Edile presso l'Università di Catania, dopo avere vinto un regolare concorso, viene assunto dall'allora Consorzio di Bonifica della Piana di Catania. La sua è stata una carriera brillante che lo ha portato a divenire prima Capo Settore del Consorzio di Bonifica della Piana di Catania, poi Dirigente dell'Area Tecnica del Consorzio di Bonifica n. 9 di Catania e, infine, Dirigente dell'Area Tecnica del Consorzio di Bonifica Sicilia Orientale.
"Una piccola, discreta ma sentita cerimonia per testimoniare la stima che abbiamo ancora oggi nei confronti di una persona che ci manca dal punto di vista professionale ma molto di più da quello umano - ha dichiarato il Commissario Straordinario Francesco Nicodemo -. Noi lo vogliamo omaggiare e ringraziare con questo gesto per quello che lui ha dato al Consorzio che possa essere per noi tutti esempio e guida. Ogni documento che prendiamo ci parla di Lui, ci ricorda il suo lavoro. Tutti i dipendenti, di qualsiasi livello, hanno dato e danno il loro importante contributo professionale ma l'ingegnere era veramente qualcosa di più".
"Non c'è carta che non prendiamo non sia riconducibile all'ingegnere Paterna - ha ricordato il Direttore Generale, Giuseppe Barbagallo -. Al di là di questo ne parliamo e lo pensiamo sempre perché ci manca tantissimo soprattutto dal punto di vista umana. Non è facile trovare qualcuno che lo possa sostituire per la sua visione globale del lavoro che spaziava in tutti i contesti".
"Sono contenta - ha affermatola signora Beatrice - che il Consorzio abbia voluto ricordare con questo gesto la figura di mio marito riconoscendo il contributo che ha dato in tanti anni di lavoro. Sono certa che manca a voi come manca tanto a me ed alla nostra famiglia. Ringrazio il Commissario Nicodemo e il Consorzio tutto per l'attestato di stima che è stato riconosciuto a mio marito".

Rassegna Stampa

comunicati stampaSi è finalmente concretizzato l'acquisto di un miniescavatore usato e di un pickup doppio cabinato. Il pickup, in particolare, è stato acquistato sfruttando un finanziamento regionale.

Nell'ambito delle attività di manutenzione del Consorzio di Bonifica 6 di Enna, si è finalmente concretizzato l'acquisto di un miniescavatore usato e di un pickup doppio cabinato. Il pickup, in particolare, è stato acquistato sfruttando un finanziamento regionale. I due mezzi arrivano grazie alla lungimiranza della Direzione Generale e del Commissario Straordinario della Sicilia Orientale, Francesco Nicodemo, che con questo atto danno un primo segnale di ripresa, al fine di potenziare un parco mezzi consortile depauperatosi negli ultimi 15anni. I mezzi verranno impiegati ovviamente nelle attività di manutenzione del Consorzio con lo scopo di rendere un servizio più efficiente all'utenza del comprensorio consortile di Enna e provincia.

Rassegna Stampa

comunicati stampaUna tipologia di impianto di misurazione assolutamente innovativa per la provincia di Ragusa con misuratori di portata per canali a cielo aperto gestiti da un sistema di telecontrollo alimentato con pannelli fotovoltaici.

Firmato il contratto per l'installazione di misuratori relativi alla portata dell’acqua prelevata dal fiume Irminio e dai pozzi e distribuita ai fini irrigui nella campagne di Scicli. Una tipologia di impianto di misurazione assolutamente innovativa per la provincia di Ragusa poiché si tratta di misuratori di portata per canali a cielo aperto gestiti da un sistema di telecontrollo alimentato con pannelli fotovoltaici.
I lavori riguarderanno inoltre l’ammodernamento delle centrali di sollevamento Arizza, Pagliarelli e Carnemolla con conseguenti economie sui costi energetici.
La ditta che si è aggiudicata l'appalto è la Co.Ger. srl di Mussumeli; l'importo dei lavori è pari a 1.701.587,46 euro.
Saranno dunque installati misuratori di portata per i canali a pelo libero, che saranno collocati nelle opere di presa, nei partitori, nei canali di restituzione, nei misuratori comiziali. Saranno inoltre sostituite tutte le paratoie esistenti sulla canalizzazione principale e su parte di quelle secondarie al fine di ridurre le perdite.
Queste installazioni avranno la finalità di conoscere la quantità di acqua prelevata dalle fonti di approvvigionamento, di quella distribuita e di quella restituita con l’obiettivo di ottimizzare la distribuzione, ridurre la quantità di acqua restituita in mare e ridurre i furti e le perdite d’acqua.
I misuratori trasmetteranno tutti i dati ad un Centro di elaborazione dati che registrerà la movimentazione del flusso idrico della rete.
I lavori, una volta espletati tutti gli adempimenti burocratici, inizieranno nel prossimo mese di gennaio; si concluderanno entro la fine dell'estate 2022 o al massimo agli inizi dell'autunno.
"Il Consorzio Bonifica Sicilia Orientale - afferma il Commissario Straordinario Francesco Nicodemo - è indirizzato a dare delle risposte sempre più concrete a tutto il comparto agricolo, creando quelle condizioni di efficacia ed efficientamento e di rafforzamento dell’idea di una agricoltura sempre più all’avanguardia e che ritorni a far da traino all’economia siciliana".

Rassegna Stampa

comunicati stampaSomme che verranno utilizzate per la pulizia di numerosi fossi di scolo assicurando la prevenzione e mitigazione dei fenomeni atmosferici di eccezionale entità, che consentiranno anche la programmazione di interventi necessari ad eliminare le criticità della stagione invernale. Il Commissario Nicodemo: "Dal Consorzio risposte sempre più concrete a tutto il comparto agricolo".

Arrivano al Consorzio di Bonifica 10 Siracusa 790.000 euro di cui 322.000 circa che verranno utilizzati per una serie di importanti lavori. Queste risorse provengono dalla Protezione Civile Nazionale messe a disposizione dal Governo che, a seguito degli eccezionali eventi meteorologici dell'ottobre 2018, ha previsto uno speciale piano di investimenti per le regioni colpite dalla calamità, tra le quali la Sicilia. Un piano che, secondo le direttive governative, deve essere attuato in maniera celere. Il Consorzio, stante la particolarità degli interventi da effettuare per far fronte nell'immediato alle situazioni di criticità verificatesi a seguito degli eventi alluvionali dell'ottobre 2018 e per attuare tutti gli interventi di prevenzione necessari per eventuali altri eventi in futuro, ha attivato una concreta attività di prevenzione e mitigazione degli eventi atmosferici che ha anche predisposto le condizioni per eliminare le criticità che si presentano ad ogni pioggia intensa.
Il Commissario Straordinario dei Consorzi della Sicilia Orientale, Francesco Nicodemo, precisa che: "Tali somme verranno utilizzate per la pulizia dei seguenti fossi di scolo (Canali): Abate, Acquamentrita, Case Bianche Marchese, Cicogna, Conte, Mariolisi – Dagala A – B – C, Marzano, Rappis e San Agrea – Santa Chiara tutti ricadenti nel comprensorio del Consorzio di Bonifica 10 Siracusa”.
"Mi preme ringraziare - continua il Commissario Nicodemo - tutti gli uffici consortili e il personale dell’Area Progettazione e Manutenzione e, in particolare, il compianto ingegnere Massimo Paterna che è stato uno dei primi a credere nella linea di finanziamento del Commissario Delegato del Dipartimento Regionale della Protezione Civile, per la deroga a tutti gli atti propedeutici per l’affidamento dei lavori".
Il Commissario Francesco Nicodemo afferma inoltre che il Consorzio Bonifica Sicilia Orientale è indirizzato a dare delle risposte sempre più concrete a tutto il comparto agricolo, creando quelle condizioni di efficacia ed efficientamento e di rafforzamento dell’idea di una agricoltura sempre più all’avanguardia e che ritorni a far da traino all’economia siciliana.
"Un grazie - conclude Francesco Nicodemo - va sicuramente sia al Presidente della Regione Sicilia Nello Musumeci e all'assessore Edy Bandiera, ai produttori agricoli, all'ingegnere Calogero Foti, già dirigente del Dipartimento Regionale di Protezione Civile, e al suo successore l'ingegnere Salvatore Cocina".

Rassegna Stampa

comunicati stampaEspletata la procedura di gara per l'acquisto di macchine operatrici e mezzi pesanti da utilizzare per il ripristino delle funzionalità idraulica della rete scolante danneggiata dall'alluvione dell'ottobre 2018. La soddisfazione del commissario Francesco Nicodemo.

Il Consorzio di Bonifica della Sicilia Orientale, guidato dal Commissario Straordinario Francesco Nicodemo, ha espletato la procedura di gara per l'acquisto di 14 mezzi, macchine operatrici e mezzi pesanti, da utilizzare per il ripristino delle funzionalità idraulica della rete danneggiata dall'alluvione dell'ottobre 2018. Il bando prevedeva un impegno di spesa per un importo complessivo di 2 milioni di euro.
Risorse provenienti dal Dipartimento di Protezione Civile che, a seguito degli eccezionali eventi meteorologici dell'ottobre 2018, ha previsto uno speciale piano di investimenti per le regioni colpite dalla calamità, tra le quali la Sicilia. Un piano, secondo le direttive governative, da attuare in maniera celere. Il Consorzio ha ritenuto di potenziare il proprio parco mezzi con l'acquisto di nuovi mezzi e macchine. In questo modo non solo si può attivare una concreta attività di prevenzione e mitigazione degli eventi atmosferici ma si pongono anche le condizioni per eliminare le criticità che si presentano ad ogni pioggia intensa.
Oltre a ciò, l'arrivo dei nuovi mezzi consentirà l'eliminazione di ogni eventuale contenzioso nei confronti degli agricoltori una volta che gli interventi assumono la loro efficacia riguardo la pulizia dei canali. Potranno anche essere utilizzati a servizio dei territori in caso di calamità.
«La manutenzione e la pulitura di canali e torrenti - ha dichiarato il commissario del Consorzio, Francesco Nicodemo -, che sono di fondamentale importanza per evitare gli allagamenti che purtroppo normalmente creano diversi problemi in tutta l'area mettendo a serio rischio le attività produttive e anche l'incolumità delle persone».
Il Consorzio Bonifica Sicilia Orientale è indirizzato a dare delle risposte sempre più concrete a tutto il comparto agricolo, creando quelle condizioni di efficacia ed efficientamento e di rafforzamento dell’idea di una agricoltura sempre più all’avanguardia e che ritorni a far da traino all’economia siciliana.
"Mi preme ringraziare - continua il Commissario Nicodemo - tutti gli uffici consortili e il personale dell’Area Progettazione e Manutenzione e, in particolare, il compianto ingegnere Massimo Paterna che è stato uno dei primi a credere nella linea di finanziamento del Commissario Delegato del Dipartimento Regionale della Protezione Civile che, tra lo scetticismo generale, ha operato per la deroga a tutti gli atti propedeutici necessari per l’affidamento dei lavori".
"Un grazie - conclude Francesco Nicodemo - va sicuramente sia al Presidente della Regione Sicilia Nello Musumeci e all'assessore Edy Bandiera, ai produttori agricoli, all'ingegnere Calogero Foti, già dirigente del Dipartimento Regionale di Protezione Civile, e al suo successore l'ingegnere Salvatore Cocina".
I mezzi acquistati sono: 2 macchine operatrici decespugliatori, 2 "midi" escavatori non inferiori a 60 quintali, 2 "midi" escavatori non inferiori a 80 quintali, 1 mini escavatore giro-sagoma da kg 1800, 1 mini pala articolata non inferiore a 1200 kg, 1 escavatore non inferiori 20000 Kg, 1 camion 4 assi di cv 430, 2 camion a tre assi, 1 rimorchio a tre assi per mezzo d'opera.
In attesa del loro arrivo si sta provvedendo alla formazione e alla riqualificazione del personale, sia e tempo indeterminato sia a tempo determinato, per il loro corretto e adeguato utilizzo.

Rassegna stampa

AVVISO

DI AVVIO DELLA PROCEDURA PER LA COPERTURA DEL POSTO VACANTE Dl DIRIGENTE DELL'AREA AGRARIA DEL CONSORZIO Dl BONIFICA 10 SIRACUSA MEDIANTE MERITO COMPARATIVO Al SENSI DEL VIGENTE C.C.N.L. PER 1 DIRIGENTI DEI CONSORZI Dl BONIFICA E DEL POV (ALL. ALLA DELIBERA N. 29 del 19/11/2020).

IL COMMISSARIO STRAORDINARIO

RENDE NOTO

E' indetto lo scrutinio per la promozione in base a giudizio per merito comparativo per la copertura del posto vacante di Dirigente dell'Area Agraria del Consorzio di Bonifica 10 Siracusa.

La partecipazione alla procedura è riservata ai dipendenti in servizio, con rapporto di lavoro a tempo indeterminato, presso uno dei consorzi mandatari del Consorzio di Bonifica Sicilia Orientale, in possesso dei requisiti richiesti.

Le domande di partecipazione dovranno pervenire entro e non oltre il giorno 25 novembre 2020 ore 12:00.

Il Commissario Straordinario
Francesco Nicodemo

Lunedì, 14 Settembre 2020 16:11

Nomina del Direttore Generale

leggi norme e regolamentiDELIBERAZIONE DEL COMMISSARIO STRAORDINARIO

N. 28 DEL 14/09/2020

Nomina Direttore Generale del Consorzio di Bonifica Sicilia Orientale e dei singoli Consorzi accorpati 6 Enna, 7 Caltagirone, 8 Ragusa, 9 Catania, 10 Siracusa e 11 Messina

L'anno duemilaventi il giorno quattordici del mese di settembre presso la sede del Consorzio di Bonifica Sicilia Orientale sita in Catania alla Via Centuripe n. I/A, il Sig. Francesco Nicodemo Commissario Straordinario del Consorzio di Bonifica della Sicilia Orientale, nonché dei Consorzi di Bonifica mandatari: 6 Enna, 7 Caltagirone, 8 Ragusa, 9 Catania, 10 Siracusa, 11 Messina, assistito dal Dirigente dell'Area Progettazione, Ing. Eugenio Pollicino, che svolge le funzioni di segretario verbalizzante, ha adottato la seguente deliberazione con i poteri conferiti a norma di legge;

DELIBERA

Dl NOMINARE Direttore Generale del Consorzio di Bonifica Sicilia Orientale e dei Consorzi mandatari 6 Enna, 7 Caltagirone, 8 Ragusa, 9 Catania, 10 Siracusa e 11 Messina, il Dirigente a tempo indeterminato Dott. Giuseppe Barbagallo, nato a Paternò (CT) il 20/3/1956.

DELIBERAZIONE DEL COMMISSARIO STRAORDINARIO

N. 27 DEL 02.09.2020

Avvio procedura di interpello per la nomina del Direttore Generale del Consorzio di Bonifica Sicilia Orientale e dei singoli Consorzi accorpati 6 Enna, 7 Caltagironem 8 Ragusa, 9 Catania, 10 Siracusa e 11 Messina.

Il Segretario
Dott. Agr. Emilio Cocimano

Il Commissario Straordinario
Sig. Francesco Nicodemo

coronavirus bannerEmergenza Coronavirus - Covid 19. DPCM 4.3.2020. Informazione disposizioni per il personale e l'utenza.

Il Decreto del Presidente del Consiglio dei Ministri 4 marzo 2020, emanato d'urgenza per contrastare e contenere il diffondersi su tutto il territorio nazionale del virus Covid-19, cosiddetto CORONAVIRUS, impone a tutti noi, a tutela, in particolare, dei soggetti più deboli, di porre la massima attenzione circa il corretto adempimento delle disposizioni in esso contenute.
Pertanto, d'intesa con i Responsabili del Servizio di Prevenz ione e Protezione dei Consorzi mandatari, sentiti i Rappresentanti dei Lavoratori per la Sicurezza,

SI DISPONE

Tutto il personale è obbligato a rispettare all'interno degli uffici e all'interno di tutti i luoghi di lavoro le misure di prevenzione igienico sanitarie di cui all'allegato 1) det DPCM che qui si riepilogano:

  1. lavarsi spesso le mani;
  2. evitare il contatto ravvicinato con persone che soffrono di infezioni respiratorie acute;
  3. evitare abbracci e strette di mano;
  4. mantenimento, nei contatti sociali, di una distanza interpersonale di almeno un metro;
  5. igiene respiratoria (starnutire e/o tossire in un fazzoletto evitando il contatto delle mani con le secrezioni respiratorie);
  6. evitare l'uso promiscuo di bottiglie e bicchieri, in particolare durante l'attività sportiva;
  7. non toccarsi occhi, naso e bocca con le mani;
  8. coprirsi bocca e naso se si starnutisce o tossisce;
  9. non prendere farmaci antivirali né antibiotici, a meno che siano prescritti dal medico;
  10. pulire le superfici con disinfettanti a base di cloro o alcool;
  11. usare la mascherina solo se si sospetta di essere malati o se si presta assistenza a persone malate.
  • Tutto il personale è invitato ad evitare ogni contatto fisico diretto e strette di mano in particolare mantenendo in ogni contatto sociale la distanza interpersonale di 1 metro;
  • E' fatto divieto di organizzare autonomamente riunioni e incontri fra il personale; eventuali incontri eccezionali sono convocati con preventiva specifica disposizione sottoposta comunque all'approvazione della Direzione; gli incontri e le riunioni strettamente necessarie dovranno svolgersi, in ogni caso, garantendo la distanza interpersonale di 1 metro.
  • Evitare in ogni caso incontri a stretto contatto con i colleghi, privilegiando, per quanto possibile, comunicazioni per via telefonica o mail.
  • Fino a nuova disposizione, devono essere ridotti al minimo gli spostamenti del personale nell'ambito dello stesso consorzio e fra i consorzi; le autorizzazioni alle trasferte del personale al di fuori del Consorzio di Bonifica Sicilia Orientale sono preventivamente sottoposte dai dirigenti al Direttore e, nei casi d'urgenza, concordate preventivamente per le vie brevi con lo stesso.
  • Sono vietati gli assembramenti di personale e di utenti;
  • Il ricevimento dell'utenza deve avvenire singolarmente garantendo in ogni momento il rispetto della distanza di 1 metro fra le persone;
  • Il personale che rientra da zone a rischio epidemiologico deve attenersi scrupolosamente alle disposizioni di cui all'art. 2 comma 1, punto i) del DPCM che qui si trascrive:
    • i) chiunque, a partire dal quattordicesimo giorno antecedente la data dl pubblicazione del presente decreto, abbia fatto ingresso in Italia dopo aver soggiornato in zone a rischio epidemiologico, come identificate dall'Orgonizzazione Mondiale della Sanità, o sia transitato e abbia sostato nei comuni di cui all'allegato 1 al decreto del Presidente del Consiglio dei ministri 1° marzo 2020, e successive modificazioni, deve comunicare tale circostanza al dipartimento di prevenzione dell'azienda sanitaria competente per territorio nonché al proprio medico di medicina generale ovvero al pediatra di libera scelta. Le modalità di trasmissione dei dati ai servizi di sanità pubblica sono definite dalle regioni con apposito provvedimento, che indica i riferimenti dei nominativi e dei contatti dei medici di sanità pubblica; ove contattati tramite il numero unico dell'emergenza 112 o il numero verde appositamente istituito dalla regione, gli operatori delle centrali comunicano generalità e recapiti per la trasmissione ai servizi di sanità pubblica territorialmente competenti.
  • Invitare comunque il pubblico ad evitare il più possibile l'accesso agli uffici del Consorzio, privilegiando i contatti telefonici o via posta elettronica, ribadendo a tutti la scrupolosa osservanza dei punti ricompresi nel vademecum diffuso sia dal Ministero della Salute sia dalla Regione Siciliana con i dieci punti raccomandati per scoraggiare la diffusione dei contagi.

ln caso di necessità contattare il numero verde della Regione Siciliana 800 458 787 oppure il 112 0 il 1500.

I dirigenti, unitamente ai capi settore, sono invitati a dare adeguata divulgazione e attuazione alla presente disposizione nonché alle misure di cui al DPCM 04.03.2020 e successivi aggiornamenti.

Allegati:

Il Direttore Generale
Ing. Fabio BIZZINI

Il Commissario Straordinario
Sig. Francesco Nicodemo