coronavirus bannerEmergenza Coronavirus — Covid 19. DPCM 4.3.2020. Informazione disposizioni per il personale e l'utenza.

Il Decreto del Presidente del Consiglio dei Ministri 4 marzo 2020, emanato d'urgenza per contrastare e contenere il diffondersi su tutto il territorio nazionale del virus Covid-19, cosiddetto CORONAVIRUS, impone a tutti noi, a tutela, in particolare, dei soggetti più deboli, di porre la massima attenzione circa il corretto adempimento delle disposizioni in esso contenute.
Pertanto, d'intesa con i Responsabili del Servizio di Prevenzione e Protezione dei Consorzi mandatari, sentiti i Rappresentanti dei Lavoratori per la Sicurezza,

SI DISPONE

Tutto il personale è obbligato a rispettare all'interno degli uffici e all'interno di tutti i luoghi di lavoro le misure di prevenzione igienico sanitarie di cui all'allegato 1) det DPCM che qui si riepilogano:

  1. lavarsi spesso le mani;
  2. evitare il contatto ravvicinato con persone che soffrono di infezioni respiratorie acute;
  3. evitare abbracci e strette di mano;
  4. mantenimento, nei contatti sociali, di una distanza interpersonale di almeno un metro;
  5. igiene respiratoria (starnutire e/o tossire in un fazzoletto evitando il contatto delle mani con le secrezioni respiratorie);
  6. evitare l'uso promiscuo di bottiglie e bicchieri, in particolare durante l'attività sportiva;
  7. non toccarsi occhi, naso e bocca con le mani;
  8. coprirsi bocca e naso se si starnutisce o tossisce;
  9. non prendere farmaci antivirali né antibiotici, a meno che siano prescritti dal medico;
  10. pulire le superfici con disinfettanti a base di cloro o alcool;
  11. usare la mascherina solo se si sospetta di essere malati o se si presta assistenza a persone malate.
  • Tutto il personale è invitato ad evitare ogni contatto fisico diretto e strette di mano in particolare mantenendo in ogni contatto sociale la distanza interpersonale di 1 metro;
  • E' fatto divieto di organizzare autonomamente riunioni e incontri fra il personale; eventuali incontri eccezionali sono convocati con preventiva specifica disposizione sottoposta comunque all'approvazione della Direzione; gli incontri e le riunioni strettamente necessarie dovranno svolgersi, in ogni caso, garantendo la distanza interpersonale di 1 metro.
  • Evitare in ogni caso incontri a stretto contatto con i colleghi, privilegiando, per quanto possibile, comunicazioni per via telefonica o mail.
  • Fino a nuova disposizione, devono essere ridotti al minimo gli spostamenti del personale nell'ambito dello stesso consorzio e fra i consorzi; le autorizzazioni alle trasferte del personale al di fuori del Consorzio di Bonifica Sicilia Orientale sono preventivamente sottoposte dai dirigenti al Direttore e, nei casi d'urgenza, concordate preventivamente per le vie brevi con lo stesso.
  • Sono vietati gli assembramenti di personale e di utenti;
  • Il ricevimento dell'utenza deve avvenire singolarmente garantendo in ogni momento il rispetto della distanza di 1 metro fra le persone;
  • Il personale che rientra da zone a rischio epidemiologico deve attenersi scrupolosamente alle disposizioni di cui all'art. 2 comma 1, punto i) del DPCM che qui si trascrive:
    • i) chiunque, a partire dal quattordicesimo giorno antecedente la data dl pubblicazione del presente decreto, abbia fatto ingresso in Italia dopo aver soggiornato in zone a rischio epidemiologico, come identificate dall'Orgonizzazione Mondiale della Sanità, o sia transitato e abbia sostato nei comuni di cui all'allegato 1 al decreto del Presidente del Consiglio dei ministri 1° marzo 2020, e successive modificazioni, deve comunicare tale circostanza al dipartimento di prevenzione dell'azienda sanitaria competente per territorio nonché al proprio medico di medicina generale ovvero al pediatra di libera scelta. Le modalità di trasmissione dei dati ai servizi di sanità pubblica sono definite dalle regioni con apposito provvedimento, che indica i riferimenti dei nominativi e dei contatti dei medici di sanità pubblica; ove contattati tramite il numero unico dell'emergenza 112 o il numero verde appositamente istituito dalla regione, gli operatori delle centrali comunicano generalità e recapiti per la trasmissione ai servizi di sanità pubblica territorialmente competenti.
  • Invitare comunque il pubblico ad evitare il più possibile l'accesso agli uffici del Consorzio, privilegiando i contatti telefonici o via posta elettronica, ribadendo a tutti la scrupolosa osservanza dei punti ricompresi nel vademecum diffuso sia dal Ministero della Salute sia dalla Regione Siciliana con i dieci punti raccomandati per scoraggiare la diffusione dei contagi.

ln caso di necessità contattare il numero verde della Regione Siciliana 800 458 787 oppure il 112 0 il 1500.

I dirigenti, unitamente ai capi settore, sono invitati a dare adeguata divulgazione e attuazione alla presente disposizione nonché alle misure di cui al DPCM 04.03.2020 e successivi aggiornamenti.

Allegati:

Il Direttore Generale
Ing. Fabio BIZZINI

Il Commissario Straordinario
Sig. Francesco Nicodemo

Martedì, 30 Aprile 2019 16:07

Benvenuti

Il nuovo sito del Consorzio di Bonifica Sicilia Orientale è stato progettato e sviluppato seguendo le direttive sancite dal W3C e i requisiti tracciati dalla Legge 4/2004 (legge Stanca) e dalle successive modifiche e integrazioni atte a “favorire l’accesso dei soggetti disabili agli strumenti informatici”.
Le pagine del sito sono strutturate secondo quanto previsto dall'AGID per la realizzazioni di siti web per le pubbliche amministrazioni e sono ottenute attraverso l'uso di fogli di stile (CSS).

Nel sito non sono presenti oggetti o scritte lampeggianti le cui frequenze possono comportare disturbi, non si è fatto uso di tabelle per l'impostazione grafica delle pagine, i contenuti si adattano alla dimensione della finestra del browser (sono stati testati con le ultime versioni dei principali browser).

comunicati stampaProgramma di Sviluppo Rurale Nazionale 2014-2020
Approvato il finanziamento della ristrutturazione della condotta Lodigiani
nel comprensorio dell’ex-Consorzio di Bonifica 9 Catania

Il Ministero delle Politiche Agricole, Alimentari, Forestali, in data 9 ottobre 2018, ha approvato la graduatoria delle opere finanziabili nel “Programma di Sviluppo Rurale Nazionale 2014-2020”. Nelle prime posizioni delle opere finanziabili è stata inserita la ristrutturazione della condotta “Lodigiani”, uno dei più importanti adduttori irrigui della Piana di Catania a servizio dell’area Sud-Est del comprensorio irriguo dell’ex-Consorzio di Bonifica 9 Catania.

La progettazione, di importo pari a 20 Milioni di Euro, è il risultato dell’attività delle professionalità interne al consorzio ed è stata redatta dall’ing. Angelo Longo (responsabile unico del procedimento ing. Vito D’Angelo).

Unitamente al direttore generale Fabio Bizzini, grande soddisfazione viene espressa dall’ing. Massimo Paterna che dirige l’Area Progettazione del Consorzio di Bonifica della Sicilia Orientale e che ha seguito attentamente l’iter del finanziamento ministeriale.

A fronte di 85 progetti presentati, di cui 65 dichiarati ammissibili per un importo richiesto di oltre 824 milioni di euro, sono stati finanziati solo 19 progetti per una spesa di circa 284 milioni di euro. Su 65 progetti presentati a livello nazionale, dove il nord l’ha fatta da padrone, il progetto per la ristrutturazione della condotta “Lodigiani” si è classificato ottavo, l’unico in Sicilia e primo tra i progetti presentati nel mezzogiorno. Il primo passo è stato fatto e, dopo l’ufficializzazione del finanziamento, si procederà con la gara per l’affidamento dei lavori.

L’opera rende possibile ed efficiente l’integrazione dello schema irriguo con il sistema di depurazione delle acque dell’area metropolitana di Catania nel quadro ben più ampio del riuso delle acque reflue quale chiaro segno di cooperazione sinergica fra istituzioni (Comune di Catania, Università degli Studi di Catania, Commissario Unico per la Depurazione) a beneficio dell’intero territorio e della collettività.

Con la realizzazione di questo importante intervento di ristrutturazione dell’adduttore principale “Lodigiani” si compie un altro importante passo avanti nell’efficientamento delle reti irrigue del nostro territorio che dovrà proseguire con l’efficientamento anche delle condotte secondarie e terziarie. Una volta completata la ristrutturazione, l’utenza irrigua potrà efficacemente diversificare le proprie colture nell’arco dell’intero anno grazie all’interconnessione con le acque provenienti dalla depurazione dell’Area Metropolitana i cui interventi sono in corso di ultimazione da parte del comune di Catania. Sull’adduttore ristrutturato, infatti, si immetteranno anche le acque effluenti dall’impianto di depurazione catanese ubicato a Pantano d’Arci, accuratamente trattate e controllate per renderle idonee all’uso irriguo.

leggi norme e regolamentiSi comunica che nell'Albo Pretorio online è possibile prendere visione della delibera di
Approvazione del Regolamento di Organizzazione del Consorzio di Bonifica Sicilia Orientale

Si comunica che nell'Albo Pretorio online è possibile prendere visione della delibera di Adozione dello Statuto del nuovo Consorzio di Bonifica Sicilia Orientale.

Si rende noto che con D.P.Reg. Sic. n. 467 del 12 settembre 2017

è stato istituito il nuovo

CONSORZIO DI BONIFICA SICILIA ORIENTALE

PEC: This email address is being protected from spambots. You need JavaScript enabled to view it.